antipasti
fingerfood
primi secondi insalate
contorni
lievitati dolci

giovedì 1 marzo 2012

Pane morbido dalla mollica soffice


E dopo tante, tantissime ricette di lievitati, ecco il mio primo esperimento con il pane. Almeno 3 volte al mese faccio i panini, morbidi o semidolci da buffet o per l'hamburger ma non so perchè non mi ero mai cimentata prima d'ora nella realizzazione di un vero pane, forse la ritenevo una cosa troppo complicata: biga, polish, lievito madre, troppi termini mi avevano confusa e ignoravo il fatto che esistessero ricette estremamente semplici e dalla sicura riuscita. Ecco, questa è una ricetta ottima, si ottiene un pane morbido dentro, con una soffice mollica e una sottile crosticina, un pane buonissimo, di tipo casereccio che si presta ad essere farcito con salumi e formaggi.



Ringrazio la bravissima Dauly del blog "Cucchiaio e pentolone" per aver riportato la ricetta a sua volta trovata sul blog "Un pizzichino di sale".
Il mio pane ha accolto un ingrediente d'eccezione: la Nduja di Spilinga, un salame tipico calabrese la cui caratteristica principale è la piccantezza. Davvero forte ma se si amano i sapori decisi è davvero una cosa sublime, si perchè è un salame così morbido da essere splalmabile.



Pane morbido dalla mollica soffice

Ingredienti:

Per il lievitino:
100 gr di farina 00
100 gr di acqua
4 gr di lievito di birra secco (che corrisponde a 12 gr di lievito fresco)
1 cucchiaino di zucchero

Per l'impasto
400 gr di farina 00
250 gr di acqua
30 gr di strutto (in alternativa olio, ma vi consiglio lo strutto!)
2 cucchiaini colmi di sale
Farina di semola per la lavorazione

Condimento:
Nduja di Spilinga di Eterni Sapori di Calabria


Procedimento:

1) Preparare il lievitino: scaldare l'acqua fino a intiepidirla, scioglierci il lievito lasciandolo attivare 2 minuti insieme allo zucchero. In una ciotola unire le farine e il composto di lievito. Mettere a riposare dentro il forno chiuso e spento per un'ora
2) Unire al lievitino il resto della farina, lo strutto e l'acqua. Impastare con la planetaria o un'impastatrice o i ganci da impasto di un frullino perchè la consistenza sarà così morbida da non poter essere lavorata a mano. Versare il sale alla fine. Lavorare il tutto per almeno 10 minuti. Far lievitare l'impasto per 4 ore in una ciotola unta d'olio e coperta con la pellicola trasparente (io l'ho tenuta nel forno chiuso e spento)
3) Riprendere l'impasto facendolo cadere su una spianatoia infarinata con della semola, aiutandosi con una spatolina (la mia Tescoma). Cospargere con un pò di semola la superficie e senza lavorarlo allargarlo creando un filone e ricavare 4-6 pezzi (io ne ho ricavati 4 della dimensione delle immagini)
4) Spolverare i pezzi con un altro pochino di semola e adagiarli su una teglia rivestita da carta forno
5) Farli riposare ancora 30-40 minuti
6) Cuocere adesso in forno, già caldo, al centro del forno elettrico a 220° per 15 minuti e poi a 180° per altri 15 minuti, facendo leggermente dorare la superficie

Nduja di Spilinga di Eterni Sapori di Calabria


Ed ecco un pò di passaggi...

  Spatola curva Tescoma

Spatola Tescoma

Consiglio: è un pane perfetto per essere piastrato, l'impasto è pressocchè identico a quello delle "muffolette" (focacce da riempire) palermitane.


 

E con questo semplice piatto della tradizione partecipo al contest "Le ricette della carestia" organizzato dal blog "I pasticci di Luna" 

14 commenti:

  1. Bellissimi questi panini! Proprio ieri sera ho rinfrescato il mio lievito madre ,che mi soddisfa pienamente con i lievitati e posso usare quello!Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia, quEsto è il pane che piace a me!Complimenti, è bellissimo, brava!!Mmmmh il profumino è arrivato fino a qui, baci!

    RispondiElimina
  3. bellissimi questi panini sembrano davvero molto simili alle muffolette brava a te e anche a dauly che conosco da molto tempo. ciao e buona giornata

    RispondiElimina
  4. mi sono salvata la ricetta! voglio rifarli al più presto!!! sembrano buonissimi!

    RispondiElimina
  5. Buonissima, sembra la ciabattina e poi ripiena con i salumi sarà una favola!

    RispondiElimina
  6. ti e' venuto estremamente bene!

    RispondiElimina
  7. sofficioso!!!!!!!!! quanto mi piace, baci....

    RispondiElimina
  8. Esattamente come piace a me, bello soffice, se poi aggiungiamo quella meravigliosa nduja.... ne vado pazza! Bravissima

    RispondiElimina
  9. Adoro la Nduja e con questo pane profumato poi...! Una bontà!
    Abbracci

    RispondiElimina
  10. evvaiiiiiiiiiii di pane, non avevo dubbi sulla riuscita..sei bravissima in tutto!!!baci!

    RispondiElimina
  11. pane buonissimo e morbidissimo anche con l'olio i miei lo hanno divorato brava ottima ricetta

    RispondiElimina